Polemiche infinite per la chiusura di Piazza Duomo in occasione dello spettacolo della Mannino
Ultime News

News

La Nota dell'EX Sindaco Nino Garozzo:

PIAZZA DUOMO CHIUSA E A PAGAMENTO.
Chi vorrà vedere lo spettacolo di stasera dovrà pagare il biglietto. E' la prima volta e, si spera, anche l'ultima! Non sono contrario agli ingressi a pagamento ma con esclusione di piazza duomo, di piazze e vie pubbliche. Il transennamento di Piazza Duomo è un pugno in un occhio e una sgradevole espropriazione. Sono doppiamente contrario a spettacoli a pagamento nei quali qualora gli incassi non coprissero le spese (artista, logistica) della differenza dovrà farsene carico il Comune (tramite la Fondazione Bellini che dovrebbe pensare al vecchio teatro e non alle piazze). Con questo "ingegnoso" sistema al danno la beffa: si chiude la più importante piazza cittadina impedendo la visione gratuita ai cittadini ma nel caso (assai probabile) di mancata copertura delle spese con i soldi dei cittadini (esclusi) si paga in tutto o in parte lo spettacolo. Me lo hanno proposto mille volte e mille volte ho detto no. Chi vuole organizzare spettacoli a pagamento lo faccia in luoghi diversi da piazza duomo o altre vie o piazze e se non dovesse coprire le spese si arrangi non può certo intervenire il Comune che anzi dovrebbe avere una percettuale pur piccola sugli incassi e non deve invece coprire le spese .... in sostanza con l'ingegnoso sistema se va bene prende tutto l'organizzazione se va male pagano i cittadini! Un ottimo sistema .... Vi prego, MAI PIU' !!!! 
P.S. Salvo Nicotra mi comunica che il Comune in ogni caso non coprirà differenze. Ne prendiamo atto ma ribadiamo il no alla chiusura di piazza duomo. "

Alcuni commenti Da Facebook:

"DAGOSTAN: NUOVO COLPO DELLA BANDA BASSOTTI

PIAZZA DUOMO E' LORO, DEI PADRONI DELLA CITTA'

Hanno chiuso una piazza, un luogo pubblico, per uno show. E per assistere a quello show si pagano da 21 a 30 euro. Cioe' una famiglia di tre persone deve spendere almeno 60 euro in tempi di grande crisi se vuole frequentare la propria piazza.

Non lo avete ancora capito? Faranno cosi' con la Villa Belvedere, e con il resto dei luoghi pubblici della citta'.

Ps: nel filmato riprodotto qui sotto, il sindaco Barbagallo mentre rivendica la proprieta' privata della piazza per sé, suo patrozzo Nicola e gli amici delle commissioni consiliari. A proposito: di questi ultimi lo show se lo vedranno da Palazzo di citta', e intascheranno pure un gettone ?

 

Come mai. ..non hanno usato il T eatro Bellini, è stato chiuso di nuovo.?

 

Mi dicono che si tratti di un'operazione di Guglielmo Ferro, l'uomo chiamato a sovraintendere al rilancio culturale della citta', l'uomo al quale vorrebbero regalare il Bellini e il Maugeri. Se per rilanciare la cultura si deve far pagare un biglietto di 30 euro a persona, allora posso farlo pure io.

 

 

A chi va l'incasso? della serata Chi paga il soggiorno dell'artista e del suo staff? La piazza e' stata affittata, il comune incassa qualcosa? Possibile che queste domande non le faccia nessuno tranne L'Altra citta'?

 

 E' importante sapere chi intasca i soldi e che beneficio ne ricava la citta'.

 

 

 Fabio, scusami, ma dove sta scritto che lo spettacolo debba essere gratis?

 

Caro Sig. Greco, l'incasso andrebbe ai soci nascosti della Banda Bassotti e cioè Guglielmo Ferro e Carlo Auteri ( ne sentirete delle belle soprattutto da questo secondo nome...), al Comune andrebbe soltanto una percentuale.... mah!!! dormite gente, dormite ancora!

 

 

Movimenetra' una serata, e basta. Agli acesi, quelli che non ce la fanno a mettere insieme il pranzo e la cena, la serata non dara' nulla. Sottrarra' solo un bene.

 

Fabio, dai, capisco che devi essere sempre controcorrente, ma fare il populista, non ti si addice

 

 

Vergognoso

 

Ma di che populismo parla? Il mio e' buon senso.. Andate a vedere cosa organizzano nei piccoli comuni dell'Emilia, della Toscana, del Lazio, della Lombardia. Esiste una via di mezzo tra il populismo e l'elitarismo: il buon senso e il rispetto per la vita quotidiana delle persone. Se vuoi far pagare un biglietto, lo metti a un prezzo minimo. Favara, ma lei giustifica sempre tutto quel che arriva da questa giunta? Si svegli, questa cosa e' immonda.

 

 

Pagare in piazza è una vera assurdità la stessa ospite nelle altre tappe si esibisce solo in anfiteatro

 

È vero, Cinzia. Si esibisce nei teatri.

 

Quando si requisisce una piazza si comunica per tempo alla cittadinanza il rilascio di tagliandi a prezzi popolari massimo cinque euro o gratis sino ad esaurimento posti la zona si transenna senza barriere e tutta la città o seduta nel parterre o impiedi oltre le transenne assiste agli spettacoli questa è una operazione che sfregia gli acesi e per l'ennesima volta per chi ancora non l'avesse capito dimostra quanto discriminatoria e basata su visione di società divisa per classi economiche sia il dna di questa amministrazione diceva il compianto Alliata che bisogna comportarsi da Principi non basta esserlo.

 

 

Basta boicottare certe iniziative !!!

 

Sì può pagare in piazza ma una cifra simbolica che possa servire a chi lavora , perché fare pagare cifre da 30 euro e un offesa ai cittadini e chi magari vorrebbe passare una serata diversa e ci passa a vulunta prima do tempu

 

 

Sempre critiche...a tutto.mah...chi vuole andare va chi no, va da un altra parte...ma criticare ogni cosa davvero no.

 

E critica costruttiva magari ci ripensano e abbassano il biglietto.....

 

 

Non sono critiche si sono appropriati della tua piazza la TUA.

 

Greco, Lei è un grande, la buccia di banana é vicina!

 

 

Forse il costo del biglietto è cosi elevato perchè i ''cretini'' che pagano lo fanno anche per parenti e amici degli amici? Vedremo!!!!

 

I limiti di chi ha origini familiari campestri e che non ha mai vissuto tale origine con orgoglio ma come realtà dalla quale stupidamente emanciparsi emergono tutti in queste occasioni dal Bellini alla blindatura della piazza al volersi mischiare sperando che non la distruggano dentro villa pennisi in musica parte di questa nefasta amministrazione vive queste azioni solo come momento selfie per dire agli altri io sono arrivato ho scalato le vette faccio parte del gota passando su tutto e tutti come quando pretendevano di usare la fama di due giovani e illustri musicisti acesi per il loro personale uso e consumo.

 

 

tutto e' possibile, tranne il fatto che la buona politica dovrebbe scindere cio' che' possibile, da cio' che e' opportuno. I consulenti culturali dovrebbero avere esperienza comprovata, politici e consulenti dovrebbe agire nell'interesse della comunita'. Macinare una piazza, chiuderla come una gabbia, far pesare ai poveri la loro crescente poverta' e dare l'opportunita' alla casta di sedere in prima fila, ed essere sempre piu casta,risulta squallido e comprova ancora una volta l'incapacita' politica e amministrativa di questa nuova amministrazione. Cultura e intrattenimento in mano ad una allegra brigata, al cui interno siedono personalita' estranee alle dinamiche del turismo culturale o aspiranti imprenditori. Il risultato e' umiliante, per tutti. Lei e' bravissima, meritava una piazza aperta oppure un teatro, cosi come la maggior parte degli acesi meritano le persone che hanno votato. Il resto , puo' andare a Milo o Miscarello, l'aria e' pulita, le piazze aperte. PS. una piazza chiusa e' qualcosa a meta' strada tra una gabbia ed un cortile.

 

 Qual'e' l'uitlita' economica e sociale di queste operazioni? entrate nelle casse del comune, introiti per gli esercenti, visibilita' sui media, presenze sul territorio, ricadute e benefici, ecc solo alcuni dei dati che richiedono un progetto ed il suo sviluppo...ma, anche nel caso che tutti i dati dovessero risultare attivi, resta il fatto che un comune non e' impresa e che i valori della solidarieta' e dell'aggrezione sociale sono i primi a cui la politica respondabile deve fare riferimento. Persino " i ricchi e poveri," cantavano gratis nelle piazze tanto tempo fa.

 

 

Vorrei fare presente che in tempi non remoti e non distante da qui (Milo, Pedara...) ho assistito GRATIS a concerti di Ron, Cocciante, Gino Paoli... Se il comune non ha fondi per pagare l'artista di turno e relative spese accessorie, non faccia queste stupidaggini che non fanno altro che far precipitare verso il basso l'indice di gradimento (già prossimo alla caviglia) dei suoi cittadini...

 

Questo è soltanto l'inizio....credetemi...gli individui che si celano dietro queste discutibili iniziative ( che non hanno niente a che vedere con Acireale e men che meno con gli interessi di questa città) spingeranno sempre più per monopolizzare il mondo dello spettacolo e della cultura ad Acireale, ben protetti e foraggiati da questa amministrazione per accordi pregressi.... hanno tentato di farlo anche in altri comuni siciliani, ma sono stati respinti da oculati ed intelligenti amministratori... dove gli hanno aperto le braccia?... Ovvio... Ad Acireale!...... sono gli stessi individui che si celano dietro la facciata della Fondazione Bellini..... è soltanto l'inizio.... soltanto l'inizio..................

 

 

C e' da temere a sentire te. Evidentemente sai di piu' ????? Poveri noi!!

 

 Purtroppo si... ma a breve sarà chiaro a tutti... precisamente quando riaprirà il Teatro Maugeri.. allora sarà tutto chiaro.. quello che non comprendo è il silenzio ( ad oggi) di tutte quelle entità artistico culturali che sono state così palesemente calpestate ed umiliate a totale vantaggio di entità che con Acireale non c'entrano proprio nulla e che per adesso si guardano bene dal farsi identificare come i veri artefici di incredibili iniziative come quella di ieri.... Mi spiace anche per il Sindaco che non è una cattiva persona, ma che è costretto a dire " Signorsì" anche a queste iniziative impopolari ed arroganti........... Acireale è l'unico Comune AL MONDO che invece di proteggere e favorire i propri gruppi artistici li ignora e li affossa.... Mah... e purtroppo ripeto... è solo l'inizio! Povera Acireale! 

Questo è soltanto l'inizio....credetemi...gli individui che si celano dietro queste discutibili iniziative ( che non hanno niente a che vedere con Acireale e men che meno con gli interessi di questa città) spingeranno sempre più per monopolizzare il mondo dello spettacolo e della cultura ad Acireale, ben protetti e foraggiati da questa amministrazione per accordi pregressi.... hanno tentato di farlo anche in altri comuni siciliani, ma sono stati respinti da oculati ed intelligenti amministratori... dove gli hanno aperto le braccia?... Ovvio... Ad Acireale!...... sono gli stessi individui che si celano dietro la facciata della Fondazione Bellini..... è soltanto l'inizio.... soltanto l'inizio..................

 

 Caro sig. Dario Fichera, dal momento che è " disposto a sfidare chiunque su questo versante"....sono certo sia a conoscenza che la discutibile iniziativa di ieri in Piazza Duomo era targata " Ferro & Auteri", così come spero che sappia che dietro la bellissima facciata della Fondazione Bellini si celino proprio quei nomi che non c'azzeccano proprio nulla con Acireale. Spero altresì che sia a conoscenza che l'ultimo dei loro pensieri è quello di operare per l'interesse della città ( loro notoriamente operano solo nell'interesse delle proprie tasche).....