Le Maschere celebra la memoria di Luca Ronconi
L'ultimo spettacolo del grande regista milanese premiato come miglior lavoro dell'anno. Ad Antonio Latella il premio per la miglior regia.
Ultime News

News

Lehman Trilogy, diretto dal grande maestro, recentemente scomparso, Luca Ronconi è il migliore spettacolo dell’anno; a decretarlo è la giuria del premio Le Maschere del Teatro Italiano, giunto alla quinta edizione, e consegnato al teatro Mercadante di Napoli. Durante la serata del 4 settembre, condotta da Tullio Solenghi, organizzata per il primo anno da Teatro Stabile di Napoli Teatro Nazionale con il patrocino dell’AGIS e trasmessa in diretta differita su Raiuno, sono stati consegnati premi per tredici categorie. Ideato da Luca De Fusco e dal critico Maurizio Giammusso, e fortemente voluto da Gianni Letta, grande appassionato di teatro, vede in una prima fase una giuria di esperti scegliere in una discussione pubblica, tre finalisti per categorie che poi vengono votate per posta da una giuria popolare di circa 800 lavoratori del mondo del teatro (attori, registi, scenografi, costumisti, organizzatori).

Ma ecco i vincitori. La migliore regia va ad Antonio Latella perNatale in casa Cupiello, il migliore attore protagonista è considerato Eros Pagni per Il Sindaco del Rione Sanità mentre la migliore attrice protagonista è Manuela Mandracchia perHedda Gabler. Premiato l’attore Nando Paone per la categoria miglior attore non protagonista con lo spettacolo Don Giovannidi Alessandro Preziosi.

Gli altri premiati: miglior attrice non protagonista Monica Piseddu per lo spettacolo Lo Zoo di vetro, miglior attore emergente Alessandro Averone per lo spettacolo Der Park di Peter Stein, miglior interprete di monologo Giulia Lazzarini per il monologo Muri. Prima e dopo Basaglia, miglior scenografo Ferdinand Woegerbauer per Der Park, miglior costumista Maurizio Millenotti per Il giardino dei ciliegi, miglior autore di musiche Nicola Piovani per La dodicesima notte, migliore autore di novità italiana Stefano Massini per Lehman Trilogy, miglior disegnatore di luci Luigi Saccomandi per Il Don Giovanni. Vivere è un abuso mai un diritto di Filippo Timi.

Il Premio speciale del Presidente della Giuria è andato a una grande attore del teatro italiano Umberto Orsini. Mentre il Premio Graziella Lonardi Buontempo a Dino Trappetti per la Fondazione la Fondazione Tirelli Trappetti e Tirelli Costumi, storica sartoria italiana nata nel 1964 a cui si deve la realizzazione di costumi per film e spettacoli famosissimi.

La giuria in questa edizione era composta da Gianni Letta, presidente di giuria, Rosita Marchese, CdA Teatro Stabile di Napoli, Giulio Baffi, critico de La Repubblica, Maricla Boggio, drammaturgo,AntonioCalbi, direttore del Teatro di Roma, Moreno Cerquetelli, critico del Tg3, Emilia Costantini, critico del Corriere della Sera, Masolino D’Amico, critico de La Stampa, Maria Rosaria Gianni, capo redattore cultura del Tg1, Enrico Groppali, critico de Il Giornale, Andrea Porcheddu, critico di www.glistatigenerali.com.